Miglior produttore e fornitore di adesivi epossidici underfill

Shenzhen DeepMaterial Technologies Co., Ltd è flip chip bga underfill epossidico e produttore di incapsulanti epossidici in Cina, produzione di incapsulanti underfill, resina epossidica underfill smt pcb, composti epossidici underfill monocomponente, resina epossidica underfill flip chip per csp e bga e così via.

Underfill è un materiale epossidico che riempie gli spazi tra un chip e il suo supporto o un pacchetto finito e il substrato PCB. Il riempimento insufficiente protegge i prodotti elettronici da urti, cadute e vibrazioni e riduce la tensione sulle fragili connessioni di saldatura causate dalla differenza di espansione termica tra il chip di silicio e il supporto (due materiali diversi).

Nelle applicazioni di riempimento capillare, un volume preciso di materiale di riempimento viene erogato lungo il lato di un chip o pacchetto per fluire al di sotto attraverso l'azione capillare, riempiendo i vuoti d'aria attorno alle sfere di saldatura che collegano i pacchetti di chip al PCB o i chip impilati in pacchetti multi-chip. I materiali di sottoriempimento senza flusso, talvolta utilizzati per il sottoriempimento, vengono depositati sul substrato prima che un chip o una confezione vengano attaccati e riapplicati. Il sottoriempimento stampato è un altro approccio che prevede l'utilizzo di resina per riempire gli spazi tra il chip e il substrato.

Senza riempimento insufficiente, l'aspettativa di vita di un prodotto sarebbe significativamente ridotta a causa della rottura delle interconnessioni. L'underfill viene applicato nelle fasi successive del processo di produzione per migliorare l'affidabilità.

Miglior fornitore di adesivi epossidici underfill (1)

Cos'è il riempimento epossidico?

Underfill è un tipo di materiale epossidico che viene utilizzato per colmare gli spazi tra un chip semiconduttore e il suo supporto o tra un pacchetto finito e il substrato del circuito stampato (PCB) nei dispositivi elettronici. Viene tipicamente utilizzato nelle tecnologie avanzate di confezionamento dei semiconduttori, come i pacchetti flip-chip e chip-scale, per migliorare l'affidabilità meccanica e termica dei dispositivi.

Il sottoriempimento epossidico è tipicamente realizzato in resina epossidica, un polimero termoindurente con eccellenti proprietà meccaniche e chimiche, che lo rende ideale per l'uso in applicazioni elettroniche impegnative. La resina epossidica è tipicamente combinata con altri additivi, come indurenti, riempitivi e modificatori, per migliorare le sue prestazioni e adattare le sue proprietà per soddisfare requisiti specifici.

Il sottoriempimento epossidico è un materiale liquido o semiliquido erogato sul substrato prima che la matrice del semiconduttore venga posizionata sopra. Viene quindi indurito o solidificato, solitamente attraverso un processo termico, per formare uno strato protettivo rigido che incapsula la piastrina del semiconduttore e riempie lo spazio tra la piastrina e il substrato.

Il riempimento epossidico è un materiale adesivo specializzato utilizzato nella produzione elettronica per incapsulare e proteggere componenti delicati, come i microchip, colmando lo spazio tra l'elemento e il substrato, tipicamente un circuito stampato (PCB). È comunemente utilizzato nella tecnologia flip-chip, in cui il chip è montato a faccia in giù sul substrato per migliorare le prestazioni termiche ed elettriche.

Lo scopo principale dei sottoriempimenti epossidici è fornire rinforzo meccanico al pacchetto flip-chip, migliorandone la resistenza alle sollecitazioni meccaniche come i cicli termici, gli shock meccanici e le vibrazioni. Aiuta anche a ridurre il rischio di guasti ai giunti di saldatura dovuti a fatica e disallineamenti di espansione termica, che possono verificarsi durante il funzionamento del dispositivo elettronico.

I materiali di riempimento epossidici sono generalmente formulati con resine epossidiche, agenti indurenti e riempitivi per ottenere le proprietà meccaniche, termiche ed elettriche desiderate. Sono progettati per avere una buona adesione al die del semiconduttore e al substrato, un basso coefficiente di dilatazione termica (CTE) per ridurre al minimo lo stress termico e un'elevata conduttività termica per facilitare la dissipazione del calore dal dispositivo.

Miglior fornitore di adesivi epossidici underfill (8)
A cosa serve la resina epossidica Underfill?

Underfill epoxy è un adesivo a base di resina epossidica utilizzato in varie applicazioni per fornire rinforzo meccanico e protezione. Ecco alcuni usi comuni della resina epossidica underfill:

Imballaggio a semiconduttore: La resina epossidica Underfill è comunemente utilizzata negli imballaggi per semiconduttori per fornire supporto meccanico e protezione a componenti elettronici delicati, come i microchip, montati su circuiti stampati (PCB). Colma il divario tra il chip e il PCB, prevenendo stress e danni meccanici causati dall'espansione e dalla contrazione termica durante il funzionamento.

Incollaggio flip-chip: La resina epossidica underfill viene utilizzata nel legame flip-chip, che collega i chip semiconduttori direttamente a un PCB senza legami di filo. La resina epossidica colma il divario tra il chip e il PCB, fornendo rinforzo meccanico e isolamento elettrico migliorando le prestazioni termiche.

Produzione display: La resina epossidica underfill viene utilizzata per produrre display, come display a cristalli liquidi (LCD) e display a diodi organici a emissione di luce (OLED). Viene utilizzato per incollare e rinforzare componenti delicati, come driver di display e sensori tattili, per garantire stabilità meccanica e durata.

Dispositivi optoelettronici: La resina epossidica underfill viene utilizzata nei dispositivi optoelettronici, come ricetrasmettitori ottici, laser e fotodiodi, per fornire supporto meccanico, migliorare le prestazioni termiche e proteggere i componenti sensibili dai fattori ambientali.

Elettronica automobilistica: La resina epossidica Underfill viene utilizzata nell'elettronica automobilistica, come le unità di controllo elettroniche (ECU) e i sensori, per fornire rinforzo meccanico e protezione da temperature estreme, vibrazioni e condizioni ambientali difficili.

Applicazioni aerospaziali e della difesa: La resina epossidica Underfill viene utilizzata nelle applicazioni aerospaziali e di difesa, come l'avionica, i sistemi radar e l'elettronica militare, per fornire stabilità meccanica, protezione contro le fluttuazioni di temperatura e resistenza agli urti e alle vibrazioni.

Elettronica di consumo: La resina epossidica Underfill viene utilizzata in vari dispositivi elettronici di consumo, inclusi smartphone, tablet e console di gioco, per fornire rinforzo meccanico e proteggere i componenti elettronici da danni dovuti a cicli termici, urti e altri stress.

Dispositivi medici: La resina epossidica Underfill viene utilizzata nei dispositivi medici, come dispositivi impiantabili, apparecchiature diagnostiche e dispositivi di monitoraggio, per fornire rinforzo meccanico e proteggere i delicati componenti elettronici da ambienti fisiologici difficili.

Imballaggio LED: La resina epossidica Underfill viene utilizzata nell'imballaggio dei diodi a emissione di luce (LED) per fornire supporto meccanico, gestione termica e protezione dall'umidità e da altri fattori ambientali.

Elettronica generale: La resina epossidica Underfill è utilizzata in un'ampia gamma di applicazioni di elettronica generale in cui sono richiesti il ​​rinforzo meccanico e la protezione dei componenti elettronici, come nell'elettronica di potenza, nell'automazione industriale e nelle apparecchiature per le telecomunicazioni.

Cos'è il materiale di riempimento insufficiente per Bga?

Il materiale di riempimento per BGA (Ball Grid Array) è un materiale a base di resina epossidica o polimero utilizzato per colmare il divario tra il pacchetto BGA e il PCB (circuito stampato) dopo la saldatura. BGA è un tipo di pacchetto a montaggio superficiale utilizzato nei dispositivi elettronici che fornisce un'elevata densità di connessioni tra il circuito integrato (IC) e il PCB. Il materiale di riempimento migliora l'affidabilità e la resistenza meccanica dei giunti di saldatura BGA, mitigando il rischio di guasti dovuti a sollecitazioni meccaniche, cicli termici e altri fattori ambientali.

Il materiale di riempimento è tipicamente liquido e scorre sotto il pacchetto BGA tramite azione capillare. Viene quindi sottoposto a un processo di polimerizzazione per solidificare e creare una connessione rigida tra il BGA e il PCB, solitamente attraverso il calore o l'esposizione ai raggi UV. Il materiale di riempimento aiuta a distribuire le sollecitazioni meccaniche che possono verificarsi durante i cicli termici, riducendo il rischio di rottura dei giunti di saldatura e migliorando l'affidabilità complessiva del pacchetto BGA.

Il materiale di riempimento per BGA viene accuratamente selezionato in base a fattori quali il design specifico del pacchetto BGA, i materiali utilizzati nel PCB e nel BGA, l'ambiente operativo e l'applicazione prevista. Alcuni materiali di riempimento comuni per BGA includono materiali di riempimento a base epossidica, senza flusso e con diversi materiali di riempimento come silice, allumina o particelle conduttive. La selezione del materiale di riempimento appropriato è fondamentale per garantire l'affidabilità e le prestazioni a lungo termine dei pacchetti BGA nei dispositivi elettronici.

Inoltre, il materiale di riempimento per BGA può fornire protezione contro umidità, polvere e altri contaminanti che potrebbero altrimenti penetrare nello spazio tra BGA e PCB, causando potenzialmente corrosione o cortocircuiti. Questo può aiutare a migliorare la durata e l'affidabilità dei pacchetti BGA in ambienti difficili.

Che cos'è la resina epossidica sottoriempimento in Ic?

La resina epossidica Underfill in IC (Integrated Circuit) è un materiale adesivo che riempie lo spazio tra il chip semiconduttore e il substrato (come un circuito stampato) nei dispositivi elettronici. È comunemente utilizzato nel processo di fabbricazione dei circuiti integrati per migliorarne la resistenza meccanica e l'affidabilità.

I circuiti integrati sono in genere costituiti da un chip semiconduttore che contiene vari componenti elettronici, come transistor, resistori e condensatori, che sono collegati a contatti elettrici esterni. Questi chip vengono quindi montati su un substrato, che fornisce supporto e connettività elettrica al resto del sistema elettronico. Tuttavia, a causa delle differenze nei coefficienti di dilatazione termica (CTE) tra il chip e il substrato e le sollecitazioni e le deformazioni sperimentate durante il funzionamento, possono sorgere stress meccanici e problemi di affidabilità, come guasti indotti da cicli termici o crepe meccaniche.

La resina epossidica Underfill risolve questi problemi colmando lo spazio tra il chip e il substrato, creando un legame meccanicamente robusto. È un tipo di resina epossidica formulata con proprietà specifiche, come bassa viscosità, elevata forza di adesione e buone proprietà termiche e meccaniche. Durante il processo di produzione, la resina epossidica di riempimento viene applicata in forma liquida, quindi viene indurita per solidificarsi e creare un forte legame tra il truciolo e il substrato. I circuiti integrati sono dispositivi elettronici sensibili alle sollecitazioni meccaniche, ai cicli di temperatura e ad altri fattori ambientali durante il funzionamento, che possono causare guasti dovuti all'affaticamento del giunto di saldatura o alla delaminazione tra il chip e il substrato.

La resina epossidica underfill aiuta a ridistribuire e ridurre al minimo le sollecitazioni e le sollecitazioni meccaniche durante il funzionamento e fornisce protezione contro umidità, contaminanti e urti meccanici. Contribuisce inoltre a migliorare l'affidabilità dei cicli termici del circuito integrato riducendo il rischio di incrinature o delaminazioni tra il chip e il substrato a causa delle variazioni di temperatura.

Che cos'è la resina epossidica sottoriempimento in Smt?

La resina epossidica underfill nella tecnologia a montaggio superficiale (SMT) si riferisce a un tipo di materiale adesivo utilizzato per colmare lo spazio tra un chip semiconduttore e il substrato in dispositivi elettronici come i circuiti stampati (PCB). SMT è un metodo popolare per assemblare componenti elettronici su PCB e la resina epossidica underfill è comunemente usata per migliorare la resistenza meccanica e l'affidabilità dei giunti di saldatura tra il chip e il PCB.

Quando i dispositivi elettronici sono soggetti a cicli termici e sollecitazioni meccaniche, ad esempio durante il funzionamento o il trasporto, le differenze nel coefficiente di espansione termica (CTE) tra il chip e il PCB possono causare sollecitazioni sui giunti di saldatura, portando a potenziali guasti come crepe o delaminazione. La resina epossidica Underfill viene utilizzata per mitigare questi problemi riempiendo lo spazio tra il chip e il substrato, fornendo supporto meccanico e impedendo che i giunti di saldatura subiscano uno stress eccessivo.

La resina epossidica underfill è in genere un materiale termoindurente erogato in forma liquida sul PCB e scorre nello spazio tra il chip e il substrato attraverso un'azione capillare. Viene quindi polimerizzato per formare un materiale rigido e durevole che lega il chip al substrato, migliorando l'integrità meccanica complessiva dei giunti di saldatura.

La resina epossidica Underfill svolge diverse funzioni essenziali negli assemblaggi SMT. Aiuta a ridurre al minimo la formazione di cricche o fratture dei giunti di saldatura dovute ai cicli termici e alle sollecitazioni meccaniche durante il funzionamento dei dispositivi elettronici. Migliora inoltre la dissipazione termica dal circuito integrato al substrato, contribuendo a migliorare l'affidabilità e le prestazioni dell'assieme elettronico.

La resina epossidica sottoriempimento negli assemblaggi SMT richiede tecniche di erogazione precise per garantire una copertura adeguata e una distribuzione uniforme della resina epossidica senza causare danni all'IC o al substrato. Attrezzature avanzate come robot di erogazione e forni di polimerizzazione sono comunemente utilizzate nel processo di sottoriempimento per ottenere risultati costanti e incollaggi di alta qualità.

Quali sono le proprietà del materiale di riempimento?

I materiali di riempimento sono comunemente usati nei processi di produzione di componenti elettronici, in particolare negli imballaggi di semiconduttori, per migliorare l'affidabilità e la durata di dispositivi elettronici come circuiti integrati (CI), ball grid array (BGA) e pacchetti flip-chip. Le proprietà dei materiali di riempimento possono variare a seconda del tipo specifico e della formulazione, ma generalmente includono quanto segue:

Conduttività termica: I materiali di riempimento dovrebbero avere una buona conduttività termica per dissipare il calore generato dal dispositivo elettronico durante il funzionamento. Questo aiuta a prevenire il surriscaldamento, che può portare al guasto del dispositivo.

Compatibilità CTE (coefficiente di espansione termica): i materiali di riempimento dovrebbero avere un CTE compatibile con il CTE del dispositivo elettronico e il substrato a cui è incollato. Questo aiuta a ridurre al minimo lo stress termico durante i cicli di temperatura e previene la delaminazione o la rottura.

Bassa viscosità: I materiali di riempimento dovrebbero avere una bassa densità per consentire loro di scorrere facilmente durante il processo di incapsulamento e riempire gli spazi tra il dispositivo elettronico e il substrato, garantendo una copertura uniforme e riducendo al minimo i vuoti.

Adesione: I materiali di sottoriempimento devono avere una buona adesione al dispositivo elettronico e al substrato per fornire un forte legame e prevenire la delaminazione o la separazione sotto stress termici e meccanici.

Isolamento elettrico: I materiali di riempimento dovrebbero avere elevate proprietà di isolamento elettrico per evitare cortocircuiti e altri guasti elettrici nel dispositivo.

Resistenza meccanica: I materiali di riempimento dovrebbero avere la resistenza meccanica sufficiente per resistere alle sollecitazioni incontrate durante cicli di temperatura, urti, vibrazioni e altri carichi meccanici senza incrinarsi o deformarsi.

Tempo di cura: I materiali sottoriempimento devono avere un tempo di indurimento appropriato per garantire un'adesione e un indurimento adeguati senza causare ritardi nel processo di produzione.

Dosaggio e rilavorabilità: I materiali di sottoriempimento devono essere compatibili con le apparecchiature di erogazione utilizzate nella produzione e consentire la rilavorazione o la riparazione, se necessario.

Resistenza all'umidità: I materiali di sottoriempimento devono avere una buona resistenza all'umidità per impedire l'ingresso di umidità, che può causare guasti al dispositivo.

Data di scadenza: I materiali sottoriempimento dovrebbero avere una durata di conservazione ragionevole, consentendo una corretta conservazione e utilizzabilità nel tempo.

Miglior materiale di processo BGA Underfil epossidico
Che cos'è un materiale di riempimento stampato?

Un materiale di riempimento stampato viene utilizzato negli imballaggi elettronici per incapsulare e proteggere i dispositivi a semiconduttore, come i circuiti integrati (CI), da fattori ambientali esterni e sollecitazioni meccaniche. Viene tipicamente applicato come materiale liquido o in pasta e quindi indurito per solidificare e creare uno strato protettivo attorno al dispositivo a semiconduttore.

I materiali di riempimento stampati sono comunemente usati negli imballaggi flip-chip, che collegano i dispositivi semiconduttori a un circuito stampato (PCB) o substrato. L'imballaggio flip-chip consente uno schema di interconnessione ad alta densità e ad alte prestazioni, in cui il dispositivo semiconduttore è montato a faccia in giù sul substrato o sul PCB e le connessioni elettriche sono realizzate utilizzando protuberanze metalliche o sfere di saldatura.

Il materiale di riempimento stampato viene tipicamente erogato in forma liquida o pastosa e scorre sotto il dispositivo semiconduttore per azione capillare, riempiendo gli spazi tra il dispositivo e il substrato o PCB. Il materiale viene quindi polimerizzato utilizzando il calore o altri metodi di polimerizzazione per solidificare e creare uno strato protettivo che incapsula il dispositivo, fornendo supporto meccanico, isolamento termico e protezione da umidità, polvere e altri contaminanti.

I materiali di riempimento stampati sono generalmente formulati per avere proprietà come bassa viscosità per una facile erogazione, elevata stabilità termica per prestazioni affidabili in un'ampia gamma di temperature operative, buona adesione a diversi substrati, basso coefficiente di dilatazione termica (CTE) per ridurre al minimo lo stress durante la temperatura cicli ed elevate proprietà di isolamento elettrico per evitare cortocircuiti.

Certamente! Oltre alle proprietà menzionate in precedenza, i materiali di riempimento stampati possono avere altre caratteristiche su misura per applicazioni o requisiti specifici. Ad esempio, alcuni materiali di riempimento sviluppati potrebbero avere una conduttività termica migliorata per migliorare la dissipazione del calore dal dispositivo a semiconduttore, che è essenziale nelle applicazioni ad alta potenza in cui la gestione termica è fondamentale.

Come si rimuove il materiale di riempimento insufficiente?

La rimozione del materiale sottoriempito può essere difficile, poiché è progettato per essere durevole e resistente ai fattori ambientali. Tuttavia, è possibile utilizzare diversi metodi standard per rimuovere il materiale di sottoriempimento, a seconda del tipo specifico di sottoriempimento e del risultato desiderato. Ecco alcune opzioni:

Metodi termici: I materiali di riempimento sono in genere progettati per essere termicamente stabili, ma a volte possono essere ammorbiditi o fusi mediante l'applicazione di calore. Questo può essere fatto utilizzando attrezzature specializzate come una stazione di rilavorazione ad aria calda, un saldatore con lama riscaldata o un riscaldatore a infrarossi. Il sottoriempimento ammorbidito o fuso può quindi essere accuratamente raschiato o sollevato utilizzando uno strumento adatto, come un raschietto in plastica o metallo.

Metodi chimici: I solventi chimici possono dissolvere o ammorbidire alcuni materiali riempiti in modo insufficiente. Il tipo di solvente necessario dipende dal tipo specifico di materiale di riempimento. I solventi tipici per la rimozione del sottoriempimento includono alcol isopropilico (IPA), acetone o soluzioni specializzate per la rimozione del sottoriempimento. Il solvente viene tipicamente applicato al materiale di riempimento e lasciato penetrare e ammorbidirlo, dopodiché il materiale può essere accuratamente raschiato o rimosso.

Metodi meccanici: Il materiale di riempimento può essere rimosso meccanicamente utilizzando metodi abrasivi o meccanici. Ciò può includere tecniche come molatura, levigatura o fresatura, utilizzando strumenti o attrezzature specializzati. I processi automatizzati sono in genere più aggressivi e possono essere adatti a casi in cui altri modi non sono efficaci, ma possono anche comportare il rischio di danneggiare il substrato o i componenti sottostanti e devono essere utilizzati con cautela.

Metodi di combinazione: In alcuni casi, una combinazione di tecniche può rimuovere il materiale sottoriempito. Ad esempio, possono essere utilizzati vari processi termici e chimici, in cui viene applicato calore per ammorbidire il materiale di riempimento, solventi per dissolvere o ammorbidire ulteriormente il materiale e metodi meccanici per rimuovere il residuo rimanente.

Come riempire la resina epossidica sottoriempimento

Ecco una guida dettagliata su come riempire in modo insufficiente la resina epossidica:

Passaggio 1: raccogliere materiali e attrezzature

Materiale epossidico sottoriempimento: Scegli un materiale epossidico di alta qualità compatibile con i componenti elettronici con cui stai lavorando. Seguire le istruzioni del produttore per i tempi di miscelazione e polimerizzazione.

Attrezzature di erogazione: Avrai bisogno di un sistema di erogazione, come una siringa o un erogatore, per applicare la resina epossidica in modo accurato e uniforme.

Fonte di calore (opzionale): alcuni materiali epossidici riempiti in modo insufficiente richiedono la polimerizzazione con il calore, quindi potrebbe essere necessaria una fonte di calore, come un forno o una piastra riscaldante.

Materiali per la pulizia: Avere alcol isopropilico o un detergente simile, salviette prive di lanugine e guanti per la pulizia e la manipolazione della resina epossidica.

Passaggio 2: preparare i componenti

Pulire i componenti: Assicurarsi che i componenti da sottoriempire siano puliti e privi di qualsiasi contaminante, come polvere, grasso o umidità. Pulirli accuratamente utilizzando alcol isopropilico o un detergente simile.

Applicare adesivo o fondente (se necessario): a seconda del materiale epossidico di riempimento e dei componenti utilizzati, potrebbe essere necessario applicare un adesivo o fondente ai componenti prima di applicare la resina epossidica. Seguire le istruzioni del produttore per il materiale specifico utilizzato.

Passaggio 3: mescolare la resina epossidica

Seguire le istruzioni del produttore per miscelare correttamente il materiale epossidico di riempimento. Ciò può comportare la combinazione di due o più componenti epossidici in rapporti specifici e mescolarli accuratamente per ottenere una miscela omogenea. Utilizzare un contenitore pulito e asciutto per la miscelazione.

Passaggio 4: applicare la resina epossidica

Caricare la resina epossidica nel sistema di erogazione: Riempire il sistema di erogazione, come una siringa o un erogatore, con il materiale epossidico miscelato.

Applicare la resina epossidica: Erogare il materiale epossidico sull'area che deve essere sottoriempita. Assicurarsi di applicare la resina epossidica in modo uniforme e controllato per garantire una copertura completa dei componenti.

Evitare le bolle d'aria: Evitare di intrappolare bolle d'aria nella resina epossidica, poiché possono influire sulle prestazioni e sull'affidabilità dei componenti riempiti in modo insufficiente. Utilizzare tecniche di erogazione adeguate, come una pressione lenta e costante, ed eliminare delicatamente eventuali bolle d'aria intrappolate con un aspirapolvere o picchiettare il gruppo.

Passaggio 5: cura la resina epossidica

Polimerizza la resina epossidica: Seguire le istruzioni del produttore per curare la resina epossidica underfill. A seconda del materiale epossidico utilizzato, ciò può comportare il fissaggio a temperatura ambiente o l'utilizzo di una fonte di calore.

Attendere un tempo di polimerizzazione adeguato: Dare alla resina epossidica tempo sufficiente per polimerizzare completamente prima di maneggiare o lavorare ulteriormente i componenti. A seconda del materiale epossidico e delle condizioni di polimerizzazione, ciò potrebbe richiedere da diverse ore a pochi giorni.

Passaggio 6: pulire e ispezionare

Pulire la resina epossidica in eccesso: Una volta che la resina epossidica si è indurita, rimuovere la resina epossidica in eccesso utilizzando metodi di pulizia appropriati, come raschiare o tagliare.

Ispezionare i componenti sottoriempiti: Ispezionare i componenti sottoriempiti per rilevare eventuali difetti, come vuoti, delaminazione o copertura incompleta. Se vengono rilevati difetti, adottare le misure correttive appropriate, come il riempimento o la polimerizzazione ripetuta, secondo necessità.

Miglior fornitore di adesivi epossidici underfill (10)
Quando si riempie la resina epossidica con riempimento insufficiente

I tempi di applicazione della resina epossidica sottoriempimento dipenderanno dal processo e dall'applicazione specifici. La resina epossidica underfill viene generalmente applicata dopo che il microchip è stato montato sul circuito stampato e sono stati formati i giunti di saldatura. Utilizzando un erogatore o una siringa, la resina epossidica di riempimento viene quindi erogata in un piccolo spazio tra il microchip e il circuito stampato. La resina epossidica viene quindi polimerizzata o indurita, tipicamente riscaldandola a una temperatura specifica.

I tempi esatti dell'applicazione della resina epossidica sottoriempimento possono dipendere da fattori quali il tipo di resina epossidica utilizzata, la dimensione e la geometria dello spazio da riempire e lo specifico processo di indurimento. È essenziale seguire le istruzioni del produttore e il metodo consigliato per la particolare resina epossidica utilizzata.

Ecco alcune situazioni quotidiane in cui è possibile applicare la resina epossidica con riempimento insufficiente:

Incollaggio flip-chip: La resina epossidica underfill è comunemente usata nel flip-chip bonding, un metodo per collegare un chip semiconduttore direttamente a un PCB senza wire bonding. Dopo che il flip-chip è stato fissato al PCB, in genere viene applicata una resina epossidica per colmare lo spazio tra il chip e il PCB, fornendo rinforzo meccanico e proteggendo il chip da fattori ambientali quali umidità e sbalzi di temperatura.

Tecnologia a montaggio superficiale (SMT): la resina epossidica Underfill può essere utilizzata anche nei processi con tecnologia a montaggio superficiale (SMT), in cui componenti elettronici come circuiti integrati (CI) e resistori sono montati direttamente sulla superficie di un PCB. La resina epossidica Underfill può essere applicata per rinforzare e proteggere questi componenti dopo essere stati venduti sul PCB.

Assemblaggio chip-on-board (COB): Nell'assemblaggio chip-on-board (COB), i chip semiconduttori nudi sono attaccati direttamente a un PCB utilizzando adesivi conduttivi e la resina epossidica underfill può essere utilizzata per incapsulare e rinforzare i chip, migliorandone la stabilità meccanica e l'affidabilità.

Riparazione a livello di componente: La resina epossidica Underfill può essere utilizzata anche nei processi di riparazione a livello di componente, in cui i componenti elettronici danneggiati o difettosi su un PCB vengono sostituiti con componenti nuovi. La resina epossidica Underfill può essere applicata al componente sostitutivo per garantire una corretta adesione e stabilità meccanica.

È stucco epossidico impermeabile

Sì, lo stucco epossidico è generalmente impermeabile una volta guarito. I riempitivi epossidici sono noti per la loro eccellente adesione e resistenza all'acqua, il che li rende una scelta popolare per una varietà di applicazioni che richiedono un legame robusto e impermeabile.

Se utilizzata come riempitivo, la resina epossidica può riempire efficacemente crepe e fessure in vari materiali, tra cui legno, metallo e cemento. Una volta indurito, crea una superficie dura e durevole, resistente all'acqua e all'umidità, che lo rende ideale per l'uso in aree esposte all'acqua o ad alta umidità.

Tuttavia, è importante notare che non tutti i riempitivi epossidici sono uguali e alcuni possono avere diversi livelli di resistenza all'acqua. È sempre una buona idea controllare l'etichetta del prodotto specifico o consultare il produttore per assicurarsi che sia adatto al progetto e all'uso previsto.

Per garantire i migliori risultati, è essenziale preparare adeguatamente la superficie prima di applicare lo stucco epossidico. Ciò comporta in genere la pulizia accurata dell'area e la rimozione di qualsiasi materiale allentato o danneggiato. Una volta preparata correttamente la superficie, lo stucco epossidico può essere miscelato e applicato secondo le istruzioni del produttore.

È anche importante notare che non tutti i riempitivi epossidici sono uguali. Alcuni prodotti possono essere più adatti per applicazioni o superfici specifiche rispetto ad altri, quindi è essenziale scegliere il prodotto giusto per il lavoro. Inoltre, alcuni riempitivi epossidici possono richiedere rivestimenti o sigillanti aggiuntivi per fornire una protezione impermeabilizzante di lunga durata.

I riempitivi epossidici sono famosi per le loro proprietà impermeabilizzanti e la capacità di creare un legame robusto e duraturo. Tuttavia, seguire le corrette tecniche di applicazione e scegliere il prodotto giusto sono essenziali per garantire i migliori risultati.

Processo Flip Chip epossidico sottoriempimento

Ecco i passaggi per eseguire un processo flip chip epossidico con riempimento insufficiente:

Pulizia: Il substrato e il flip chip vengono puliti per rimuovere polvere, detriti o contaminanti che potrebbero interferire con il legame epossidico non riempito.

Erogazione: La resina epossidica non riempita viene erogata sul substrato in modo controllato, utilizzando un erogatore o un ago. Il processo di erogazione deve essere preciso per evitare tracimazioni o vuoti.

Allineamento: Il flip chip viene quindi allineato con il substrato utilizzando un microscopio per garantire un posizionamento accurato.

Riscorri: Il flip chip viene rifuso utilizzando una fornace o un forno per fondere le protuberanze di saldatura e unire il chip al substrato.

Polimerizzazione: La resina epossidica non riempita viene indurita riscaldandola in un forno a una temperatura e un tempo specifici. Il processo di indurimento consente alla resina epossidica di fluire e riempire eventuali spazi tra il flip chip e il substrato.

Pulizia: Dopo il processo di indurimento, l'eccesso di resina epossidica viene rimosso dai bordi del chip e del substrato.

Ispezione: Il passaggio finale consiste nell'ispezionare il flip chip al microscopio per garantire l'assenza di vuoti o lacune nella resina epossidica riempita in modo insufficiente.

Post-polimerizzazione: In alcuni casi, può essere necessario un processo post-polimerizzazione per migliorare le proprietà meccaniche e termiche della resina epossidica non riempita. Ciò comporta il riscaldamento del chip a una temperatura più elevata per un periodo più lungo per ottenere una reticolazione più completa della resina epossidica.

Test elettrico: Dopo il processo flip-chip epossidico sottoriempimento, il dispositivo viene testato per verificarne il corretto funzionamento. Ciò può comportare il controllo di cortocircuiti o interruzioni nel circuito e il test delle caratteristiche elettriche del dispositivo.

Packaging: Una volta che il dispositivo è stato testato e verificato, può essere imballato e spedito al cliente. L'imballaggio può comportare una protezione aggiuntiva, come un rivestimento protettivo o un incapsulamento, per garantire che il dispositivo non venga danneggiato durante il trasporto o la manipolazione.

Miglior fornitore di adesivi epossidici underfill (9)
Metodo epossidico Underfill Bga

Il processo prevede il riempimento dello spazio tra il chip BGA e il circuito stampato con resina epossidica, che fornisce ulteriore supporto meccanico e migliora le prestazioni termiche della connessione. Ecco i passaggi coinvolti nel metodo BGA con riempimento epossidico:

  • Preparare il pacchetto BGA e il PCB pulendoli con un solvente per rimuovere i contaminanti che potrebbero compromettere il legame.
  • Applicare una piccola quantità di flusso al centro del pacchetto BGA.
  • Posizionare il pacchetto BGA sul PCB e utilizzare un forno a rifusione per saldare il pacchetto sulla scheda.
  • Applicare una piccola quantità di riempimento epossidico all'angolo del pacchetto BGA. Il sottoriempimento deve essere applicato all'angolo più vicino al centro della confezione e non deve coprire nessuna delle sfere di saldatura.
  • Utilizzare un'azione capillare o un vuoto per aspirare il sottoriempimento sotto il pacchetto BGA. Il sottoriempimento dovrebbe scorrere attorno alle sfere di saldatura, riempiendo eventuali vuoti e creando un solido legame tra BGA e PCB.
  • Polimerizzare il riempimento secondo le istruzioni del produttore. Questo di solito comporta il riscaldamento dell'assieme a una temperatura specifica per un periodo di tempo specifico.
  • Pulire il gruppo con un solvente per rimuovere l'eccesso di fondente o il riempimento insufficiente.
  • Ispezionare il sottoriempimento per verificare la presenza di vuoti, bolle o altri difetti che potrebbero compromettere le prestazioni del chip BGA.
  • Pulisci l'eccesso di resina epossidica dal chip BGA e dal circuito utilizzando un solvente.
  • Testare il chip BGA per assicurarsi che funzioni correttamente.

Il sottoriempimento epossidico offre una serie di vantaggi per i pacchetti BGA, tra cui una migliore resistenza meccanica, uno stress ridotto sui giunti di saldatura e una maggiore resistenza ai cicli termici. Tuttavia, seguire attentamente le istruzioni del produttore garantisce un legame robusto e affidabile tra il pacchetto BGA e il PCB.

Come realizzare resina epossidica con riempimento insufficiente

La resina epossidica Underfill è un tipo di adesivo utilizzato per colmare le lacune e rafforzare i componenti elettronici. Ecco i passaggi generali per la produzione di resina epossidica non riempita:

  • Ingredienti:
  • Resina epossidica
  • Catalizzatore
  • Materiali di riempimento (come silice o perle di vetro)
  • Solventi (come acetone o alcol isopropilico)
  • Catalizzatori (facoltativi)

Passi:

Scegli la resina epossidica adatta: Seleziona una resina epossidica adatta alla tua applicazione. Le resine epossidiche sono disponibili in una varietà di tipi con proprietà diverse. Per le applicazioni sottoriempimento, scegliere una resina con elevata resistenza, basso ritiro e buona adesione.

Mescolare la resina epossidica e l'indurente: La maggior parte delle resine epossidiche underfill viene fornita in un kit in due parti, con la resina e l'indurente confezionati separatamente. Mescolare le due parti insieme secondo le istruzioni del produttore.

Aggiungere materiali di riempimento: Aggiungere materiali di riempimento alla miscela di resina epossidica per aumentarne la viscosità e fornire ulteriore supporto strutturale. La silice o le perle di vetro sono comunemente usate come riempitivi. Aggiungere i riempitivi lentamente e mescolare accuratamente fino a ottenere la consistenza desiderata.

Aggiungi solventi: I solventi possono essere aggiunti alla miscela di resina epossidica per migliorarne la scorrevolezza e le proprietà bagnanti. L'acetone o l'alcool isopropilico sono solventi comunemente usati. Aggiungere lentamente i solventi e mescolare accuratamente fino a ottenere la consistenza desiderata.

Opzionale: Aggiungere catalizzatori: i catalizzatori possono essere aggiunti alla miscela di resina epossidica per accelerare il processo di indurimento. Tuttavia, i trigger possono anche ridurre la pot life del mix, quindi usali con parsimonia. Seguire le istruzioni del produttore per la quantità appropriata di catalizzatore da aggiungere.

Applicare la resina epossidica underfill per riempire la miscela di resina epossidica allo spazio o al giunto. Utilizzare una siringa o un erogatore per applicare la miscela con precisione ed evitare bolle d'aria. Assicurarsi che la miscela sia distribuita uniformemente e copra tutte le superfici.

Polimerizza la resina epossidica: La resina epossidica può polimerizzare secondo le istruzioni del produttore. La maggior parte delle resine epossidiche sottoriempimento polimerizza a temperatura ambiente, ma alcune possono richiedere temperature elevate per un indurimento più rapido.

 Ci sono limitazioni o sfide associate al sottoriempimento epossidico?

Sì, ci sono limitazioni e sfide associate al sottoriempimento epossidico. Alcuni dei limiti e delle sfide comuni sono:

Mancata corrispondenza di espansione termica: I sottoriempimenti epossidici hanno un coefficiente di dilatazione termica (CTE) diverso dal CTE dei componenti utilizzati per riempire. Ciò può causare sollecitazioni termiche e può portare a guasti dei componenti, in particolare in ambienti ad alta temperatura.

Sfide di elaborazione: La resina epossidica riempie in modo insufficiente apparecchiature e tecniche di lavorazione specializzate, comprese le apparecchiature di erogazione e polimerizzazione. Se non eseguito correttamente, il riempimento insufficiente potrebbe non riempire correttamente gli spazi tra i componenti o causare danni ai componenti.

Sensibilità all'umidità: I sottoriempimenti epossidici sono sensibili all'umidità e possono assorbire l'umidità dall'ambiente. Ciò può causare problemi di adesione e può portare a guasti dei componenti.

Compatibilità chimica: I sottoriempimenti epossidici possono reagire con alcuni materiali utilizzati nei componenti elettronici, come maschere per saldatura, adesivi e flussi. Ciò può causare problemi di adesione e può portare a guasti dei componenti.

Costo: I sottoriempimenti epossidici possono essere più costosi di altri materiali di sottoriempimento, come i sottoriempimenti capillari. Questo può renderli meno attraenti per l'uso in ambienti di produzione ad alto volume.

Preoccupazioni ambientali: Il sottoriempimento epossidico può contenere sostanze chimiche e materiali pericolosi, come bisfenolo A (BPA) e ftalati, che possono rappresentare un rischio per la salute umana e l'ambiente. I produttori devono adottare le dovute precauzioni per garantire la manipolazione e lo smaltimento sicuri di questi materiali.

 Tempo di indurimento: Il sottoriempimento epossidico richiede un certo periodo di tempo per l'indurimento prima di poter essere utilizzato nell'applicazione. Il tempo di polimerizzazione può variare a seconda della formulazione specifica del sottoriempimento, ma in genere varia da alcuni minuti a diverse ore. Ciò può rallentare il processo di produzione e aumentare il tempo di produzione complessivo.

Sebbene i sottoriempimenti epossidici offrano molti vantaggi, tra cui una maggiore affidabilità e durata dei componenti elettronici, presentano anche alcune sfide e limitazioni che devono essere attentamente considerate prima dell'uso.

Quali sono i vantaggi dell'utilizzo del riempimento epossidico?

Ecco alcuni dei vantaggi dell'utilizzo del sottoriempimento epossidico:

Passaggio 1: maggiore affidabilità

Uno dei vantaggi più significativi dell'utilizzo del sottoriempimento epossidico è una maggiore affidabilità. I componenti elettronici sono vulnerabili ai danni dovuti a sollecitazioni termiche e meccaniche, come cicli termici, vibrazioni e urti. Il sottoriempimento epossidico aiuta a proteggere i giunti di saldatura sui componenti elettronici dai danni dovuti a queste sollecitazioni, che possono aumentare l'affidabilità e la durata del dispositivo elettronico.

Passaggio 2: prestazioni migliorate

Riducendo il rischio di danni ai componenti elettronici, il sottoriempimento epossidico può aiutare a migliorare le prestazioni complessive del dispositivo. I componenti elettronici rinforzati in modo non corretto possono soffrire di funzionalità ridotte o addirittura guasti completi e i riempimenti insufficienti in resina epossidica possono aiutare a prevenire questi problemi, portando a un dispositivo più affidabile e ad alte prestazioni.

Passaggio 3: migliore gestione termica

Il sottoriempimento epossidico ha un'eccellente conduttività termica, che aiuta a dissipare il calore dai componenti elettronici. Ciò può migliorare la gestione termica del dispositivo e prevenire il surriscaldamento. Il surriscaldamento può causare danni ai componenti elettronici e portare a problemi di prestazioni o addirittura a un guasto completo. Fornendo un'efficace gestione termica, il sottoriempimento epossidico può prevenire questi problemi e migliorare le prestazioni complessive e la durata del dispositivo.

Passaggio 4: maggiore resistenza meccanica

Il sottoriempimento epossidico fornisce ulteriore supporto meccanico ai componenti elettronici, che può aiutare a prevenire danni dovuti a vibrazioni o urti. I componenti elettronici non adeguatamente rinforzati possono subire sollecitazioni meccaniche, con conseguenti lesioni o guasti completi. La resina epossidica può aiutare a prevenire questi problemi fornendo ulteriore resistenza meccanica, portando a un dispositivo più affidabile e duraturo.

Passaggio 5: deformazione ridotta

Il sottoriempimento epossidico può aiutare a ridurre la deformazione del PCB durante il processo di saldatura, il che può portare a una maggiore affidabilità e una migliore qualità del giunto di saldatura. La deformazione del PCB può causare problemi con l'allineamento dei componenti elettronici, portando a comuni difetti di saldatura che possono causare problemi di affidabilità o guasti completi. Il sottoriempimento epossidico può aiutare a prevenire questi problemi riducendo la deformazione durante la produzione.

Miglior fornitore di adesivi epossidici underfill (6)
Come viene applicato il riempimento epossidico nella produzione di componenti elettronici?

Ecco i passaggi coinvolti nell'applicazione del sottoriempimento epossidico nella produzione di componenti elettronici:

Preparazione dei componenti: I componenti elettronici devono essere progettati prima dell'applicazione del riempimento epossidico. I componenti vengono puliti per rimuovere sporco, polvere o detriti che potrebbero interferire con l'adesione della resina epossidica. I componenti vengono quindi posizionati sul PCB e fissati con un adesivo temporaneo.

Erogazione della resina epossidica: Il sottoriempimento epossidico viene erogato sul PCB utilizzando una macchina erogatrice. La macchina erogatrice è calibrata per erogare la resina epossidica in una quantità e posizione precise. La resina epossidica viene erogata in un flusso continuo lungo il bordo del componente. Il flusso di resina epossidica dovrebbe essere abbastanza lungo da coprire l'intero spazio tra l'elemento e il PCB.

Diffondere la resina epossidica: Dopo averlo erogato, deve essere steso per coprire lo spazio tra il componente e il PCB. Questo può essere fatto manualmente usando una piccola spazzola o una macchina stenditrice automatizzata. La resina epossidica deve essere distribuita uniformemente senza lasciare vuoti o bolle d'aria.

Indurimento della resina epossidica: Il riempimento epossidico viene quindi fissato per indurirsi e formare un solido legame tra il componente e il PCB. Il processo di indurimento può essere effettuato in due modi: termico o UV. Nell'indurimento termico, il PCB viene posto in un forno e riscaldato a una temperatura specifica per un determinato periodo di tempo. Nell'indurimento UV, la resina epossidica viene esposta alla luce ultravioletta per avviare il processo di indurimento.

Pulire: Dopo che i riempimenti epossidici sono induriti, la resina epossidica in eccesso può essere rimossa utilizzando un raschietto o un solvente. È essenziale rimuovere l'eccesso di resina epossidica per evitare che interferisca con le prestazioni del componente elettronico.

Quali sono alcune applicazioni tipiche del sottoriempimento epossidico?

Ecco alcune applicazioni tipiche del sottoriempimento epossidico:

Imballaggio a semiconduttore: Il sottoriempimento epossidico è ampiamente utilizzato nella confezione di dispositivi semiconduttori, come microprocessori, circuiti integrati (CI) e pacchetti flip-chip. In questa applicazione, il sottoriempimento epossidico riempie lo spazio tra il chip semiconduttore e il substrato, fornendo rinforzo meccanico e migliorando la conduttività termica per dissipare il calore generato durante il funzionamento.

Assemblaggio di circuiti stampati (PCB): il riempimento epossidico viene utilizzato nel corpo dei PCB per migliorare l'affidabilità dei giunti di saldatura. Viene applicato alla parte inferiore di componenti come i dispositivi BGA (Ball Grid Array) e CSP (Chip Scale Package) prima della saldatura a rifusione. I riempimenti epossidici scorrono negli spazi tra il componente e il PCB, formando un forte legame che aiuta a prevenire guasti ai giunti di saldatura dovuti a sollecitazioni meccaniche, come cicli termici e urti/vibrazioni.

Optoelettronica: Il sottoriempimento epossidico viene utilizzato anche nell'imballaggio di dispositivi optoelettronici, come diodi emettitori di luce (LED) e diodi laser. Questi dispositivi generano calore durante il funzionamento e i sottoriempimenti epossidici aiutano a dissipare questo calore e a migliorare le prestazioni termiche complessive del dispositivo. Inoltre, il sottoriempimento epossidico fornisce rinforzo meccanico per proteggere i delicati componenti optoelettronici da sollecitazioni meccaniche e fattori ambientali.

Elettronica automobilistica: Il riempimento epossidico viene utilizzato nell'elettronica automobilistica per varie applicazioni, come unità di controllo del motore (ECU), unità di controllo della trasmissione (TCU) e sensori. Questi componenti elettronici sono soggetti a condizioni ambientali difficili, tra cui temperature elevate, umidità e vibrazioni. Il sottoriempimento epossidico protegge da queste condizioni, garantendo prestazioni affidabili e durata a lungo termine.

Elettronica di consumo: Il riempimento epossidico viene utilizzato in vari dispositivi elettronici di consumo, inclusi smartphone, tablet, console di gioco e dispositivi indossabili. Aiuta a migliorare l'integrità meccanica e le prestazioni termiche di questi dispositivi, garantendo un funzionamento affidabile in varie condizioni di utilizzo.

Aerospazio e difesa: Il sottoriempimento epossidico è impiegato nelle applicazioni aerospaziali e della difesa, dove i componenti elettronici devono resistere ad ambienti estremi, come alte temperature, altitudini elevate e forti vibrazioni. Il sottoriempimento epossidico fornisce stabilità meccanica e gestione termica, rendendolo adatto ad ambienti difficili ed esigenti.

Quali sono i processi di polimerizzazione per il riempimento epossidico?

Il processo di indurimento per il sottoriempimento epossidico prevede i seguenti passaggi:

Erogazione: Il sottoriempimento epossidico viene generalmente erogato come materiale liquido sul substrato o sul truciolo utilizzando un erogatore o un sistema a getto. La resina epossidica viene applicata in modo preciso per coprire l'intera area che deve essere sottoriempita.

incapsulamento: Una volta erogata la resina epossidica, il chip viene solitamente posizionato sopra il substrato e il sottoriempimento epossidico scorre intorno e sotto il chip, incapsulandolo. Il materiale epossidico è progettato per scorrere facilmente e riempire gli spazi tra il chip e il substrato per formare uno strato uniforme.

Pre-indurimento: Il sottoriempimento epossidico è tipicamente pre-indurito o parzialmente indurito fino a ottenere una consistenza simile al gel dopo l'incapsulamento. Questo viene fatto sottoponendo l'assieme a un processo di indurimento a bassa temperatura, come la cottura al forno o all'infrarosso (IR). La fase di pre-indurimento aiuta a ridurre la viscosità della resina epossidica e ne impedisce la fuoriuscita dall'area di riempimento durante le successive fasi di indurimento.

Post-indurimento: una volta che i sottoriempimenti epossidici sono stati pre-induriti, l'assieme viene sottoposto a un processo di indurimento a temperature più elevate, tipicamente in un forno a convezione o in una camera di indurimento. Questo passaggio è noto come post-indurimento o indurimento finale e viene eseguito per indurire completamente il materiale epossidico e raggiungere le sue massime proprietà meccaniche e termiche. Il tempo e la temperatura del processo di post-indurimento sono attentamente controllati per garantire il completo indurimento del sottoriempimento epossidico.

Raffreddamento: Dopo il processo di post-indurimento, l'assieme viene solitamente lasciato raffreddare lentamente a temperatura ambiente. Il raffreddamento rapido può causare stress termici e influire sull'integrità del sottoriempimento epossidico, quindi il raffreddamento controllato è essenziale per evitare potenziali problemi.

Ispezione: Una volta che i riempimenti epossidici sono completamente induriti e l'assieme si è raffreddato, viene generalmente ispezionato per rilevare eventuali difetti o vuoti nel materiale di riempimento. È possibile utilizzare i raggi X o altri metodi di test non distruttivi per verificare la qualità del sottoriempimento epossidico e garantire che abbia adeguatamente incollato il chip e il substrato.

Quali sono i diversi tipi di materiali di riempimento epossidici disponibili?

Sono disponibili diversi tipi di materiali di riempimento epossidici, ognuno con le proprie proprietà e caratteristiche. Alcuni dei tipi comuni di materiali di riempimento epossidici sono:

Capillare sottoriempimento: I materiali di riempimento capillare sono resine epossidiche a bassa viscosità che fluiscono negli stretti spazi tra un chip semiconduttore e il suo substrato durante il processo di riempimento insufficiente. Sono progettati per avere una bassa viscosità, consentendo loro di fluire facilmente in piccoli spazi attraverso l'azione capillare, e quindi polimerizzare per formare un materiale termoindurente rigido che fornisce rinforzo meccanico all'assieme truciolo-substrato.

Riempimento insufficiente senza flusso: Come suggerisce il nome, i materiali di sottoriempimento senza flusso non scorrono durante il processo di sottoriempimento. Sono tipicamente formulati con resine epossidiche ad alta viscosità e vengono applicati come pasta o pellicola epossidica predosata sul substrato. Durante il processo di assemblaggio, il chip viene posizionato sopra il sottoriempimento senza flusso e l'assemblaggio viene sottoposto a calore e pressione, provocando l'indurimento della resina epossidica e la formazione di un materiale rigido che riempie gli spazi tra il chip e il substrato.

Sottopiede modellato: I materiali di sottoriempimento stampati sono resine epossidiche preformate posizionate sul substrato e quindi riscaldate per fluire e incapsulare il chip durante il processo di sottoriempimento. Sono generalmente utilizzati in applicazioni in cui sono richiesti la produzione di grandi volumi e il controllo preciso del posizionamento del materiale di riempimento.

Riempimento insufficiente a livello di wafer: I materiali di riempimento a livello di wafer sono resine epossidiche applicate all'intera superficie del wafer prima che i singoli chip vengano isolati. La resina epossidica viene quindi indurita, formando un materiale rigido che fornisce protezione da riempimento insufficiente a tutti i chip sul wafer. L'underfill a livello di wafer viene in genere utilizzato nei processi di imballaggio a livello di wafer (WLP), in cui più chip vengono confezionati insieme su un singolo wafer prima di essere separati in singoli pacchetti.

Incapsulante Underfill: I materiali di sottoriempimento incapsulanti sono resine epossidiche utilizzate per incapsulare l'intero assieme chip e substrato, formando una barriera protettiva attorno ai componenti. Sono generalmente utilizzati in applicazioni che richiedono elevata resistenza meccanica, protezione ambientale e maggiore affidabilità.

Informazioni sul produttore di adesivi epossidici underfill BGA

Deepmaterial è produttore e fornitore di adesivi sensibili alla pressione hot melt reattivi, produzione di resina epossidica underfill, adesivo epossidico monocomponente, adesivo epossidico bicomponente, colla per adesivi hot melt, adesivi per polimerizzazione UV, adesivo ottico ad alto indice di rifrazione, adesivi per magneti, miglior adesivo strutturale impermeabile superiore colla per plastica su metallo e vetro, adesivi elettronici colla per motori elettrici e micromotori in elettrodomestici.

GARANZIA DI ALTA QUALITÀ
Deepmaterial è determinato a diventare un leader nel settore della resina epossidica sottoriempimento elettronico, la qualità è la nostra cultura!

PREZZO ALL'INGROSSO DI FABBRICA
Promettiamo di consentire ai clienti di ottenere i prodotti adesivi epossidici più convenienti

PRODUTTORI PROFESSIONALI
Con adesivo epossidico underfill elettronico come nucleo, integrando canali e tecnologie

GARANZIA DI SERVIZIO AFFIDABILE
Fornire adesivi epossidici OEM, ODM, 1 MOQ. Set completo di certificati

Adesivi epossidici a livello di truciolo di riempimento

Questo prodotto è una resina epossidica monocomponente termoindurente con buona adesione a un'ampia gamma di materiali. Un classico adesivo per sottoriempimento con viscosità ultrabassa adatto per la maggior parte delle applicazioni di sottoriempimento. Il primer epossidico riutilizzabile è progettato per applicazioni CSP e BGA.

Colla d'argento conduttiva per il confezionamento e l'incollaggio di trucioli

Categoria di prodotto: adesivo argento conduttivo

Prodotti conduttivi di colla d'argento polimerizzati con alta conduttività, conduttività termica, resistenza alle alte temperature e altre prestazioni ad alta affidabilità. Il prodotto è adatto per l'erogazione ad alta velocità, l'erogazione di buona conformabilità, il punto di colla non si deforma, non collassa, non si stende; materiale indurito umidità, calore, resistenza alle alte e basse temperature. Indurimento rapido a bassa temperatura di 80 ℃, buona conduttività elettrica e conduttività termica.

Adesivo a doppia polimerizzazione UV

Colla acrilica non scorrevole, incapsulamento UV a doppia polimerizzazione a umido adatto per la protezione locale dei circuiti stampati. Questo prodotto è fluorescente sotto i raggi UV (nero). Utilizzato principalmente per la protezione locale di WLCSP e BGA su circuiti stampati. Il silicone organico viene utilizzato per proteggere i circuiti stampati e altri componenti elettronici sensibili. È progettato per fornire protezione ambientale. Il prodotto viene generalmente utilizzato da -53°C a 204°C.

Adesivo epossidico a polimerizzazione a bassa temperatura per dispositivi sensibili e protezione dei circuiti

Questa serie è una resina epossidica monocomponente termoindurente per polimerizzazione a bassa temperatura con buona adesione a un'ampia gamma di materiali in un periodo di tempo molto breve. Le applicazioni tipiche includono schede di memoria, set di programmi CCD/CMOS. Particolarmente adatto per componenti termosensibili dove sono richieste basse temperature di polimerizzazione.

Adesivo epossidico bicomponente

Il prodotto polimerizza a temperatura ambiente formando uno strato adesivo trasparente a basso ritiro con eccellente resistenza agli urti. Quando è completamente indurita, la resina epossidica è resistente alla maggior parte dei prodotti chimici e ai solventi e ha una buona stabilità dimensionale in un ampio intervallo di temperature.

Adesivo strutturale PUR

Il prodotto è un adesivo termofusibile poliuretanico reattivo umido monocomponente. Usato dopo il riscaldamento per alcuni minuti fino a fusione, con una buona forza di adesione iniziale dopo il raffreddamento per alcuni minuti a temperatura ambiente. E tempo aperto moderato ed eccellente allungamento, montaggio rapido e altri vantaggi. La polimerizzazione della reazione chimica dell'umidità del prodotto dopo 24 ore è solida al 100% e irreversibile.

Incapsulante epossidico

Il prodotto ha un'ottima resistenza agli agenti atmosferici e ha una buona adattabilità all'ambiente naturale. Eccellenti prestazioni di isolamento elettrico, possono evitare la reazione tra componenti e linee, speciale idrorepellente, possono impedire ai componenti di essere influenzati da umidità e umidità, buona capacità di dissipazione del calore, possono ridurre la temperatura dei componenti elettronici funzionanti e prolungarne la durata.

Pellicola per la riduzione dell'adesione UV in vetro ottico

La pellicola di riduzione dell'adesione UV in vetro ottico DeepMaterial offre bassa birifrangenza, elevata trasparenza, ottima resistenza al calore e all'umidità e un'ampia gamma di colori e spessori. Offriamo anche superfici antiriflesso e rivestimenti conduttivi per filtri laminati acrilici.

en English
X